26/09/2022
La tenacia di Geno Smith sta dando i suoi frutti dopo la debacle dei Jets

La tenacia di Geno Smith sta dando i suoi frutti dopo la debacle dei Jets

Era il Sucker Punch Heard ‘Round the NFL, e per molto tempo sembrava la campana a morto per la carriera di Geno Smith… perché chiamare un quarterback a cui era rotta la mascella ad agosto negli spogliatoi da un compagno di squadra e ottenere per quel genere di disonore.

Si scopre che ce n’è uno.

Geno Smith.

Forse superare Russell Wilson lunedì sera a Seattle si rivelerà un fugace momento al sole per lui. Questo è certo: ci sono voluti sette anni prima che Geno Smith si riprendesse dal mazzo dopo che un difensore di nome IK Enemkpali ha cambiato il corso della sua carriera e della storia dei Jets.

E da lontano, la notte in cui si è rialzato, due ex compagni di squadra, due ex quarterback dei Jets, hanno acclamato il suo ritorno e lo hanno celebrato come un modello di perseveranza.

L’analista della Fox Sports NFL Mark Sanchez: “Non è stato arruolato nei Jets, non lo sapeva. Si potrebbe dire che ha imparato da Russ. Alcuni di questi lavori sembravano più Russ che Russ. Sei tipo “Ehi amico, da dove viene?” “

Ryan Fitzpatrick, analista della NFL di Amazon Prime Video: “Prima di tutto, ero davvero felice per lui. La sua ultima volta da titolare nella prima partita è stata nel 2014, quindi è stata una strada lunga e accidentata e penso che forse gli ultimi otto anni gli hanno insegnato molto sulla pazienza e la perseveranza. Ed è stato così bello vedere solo l’emozione con cui ha giocato. Poteva sempre tirare la palla, ovviamente. Ma sembra avere più un senso di chi è, cosa serve per essere un quarterback vincente”.

Geno Smith festeggia durante la prima settimana dei Seahawks la vittoria sui Broncos.
Geno Smith festeggia durante la prima settimana dei Seahawks la vittoria sui Broncos.
USA OGGI Sport

Sanchez era l’incumbent quando Smith fu arruolato nel secondo round fuori dal West Virginia dall’allora direttore generale John Idzik. Smith ha vinto il lavoro per impostazione predefinita dopo che Rex Ryan ha deciso che sarebbe stata una buona idea interpretare Sanchez nel quarto quarto di una partita di preseason contro i Giants durante la quale Smith ha avuto tre intercettazioni. Sanchez si è infortunato alla spalla in seguito a un colpo, è stato perso per la stagione e si è diretto a Filadelfia la stagione successiva.

Read More :   Hamza Shahbaz og Sharif-brødrene ble målrettet i en lekket lydmelding fra Maulana Tariq Jameel.

“[Smith] era un rookie, quindi ha fatto lanci da rookie ed errori da rookie, e anche io”, ha detto Sanchez.

Il passaggio dal sistema Air Raid al college avrebbe richiesto tempo.

“Vedi che aveva la capacità di farlo, semplicemente non era ancora a suo agio”, ha detto Sanchez. “Non ha capito tutto subito”.

Ma il talento nelle mani di Smith non è mai stato il problema.

“Potrebbe lanciarlo”, ha detto Sanchez. “Non è che Jeff George sia entrato nell’edificio, Matt Stafford o Randall Cunningham, qualcuno che potrebbe lanciarlo a 100 iarde. Quindi non sei rimasto sbalordito dalla forza del suo braccio, ma ci sono molti ragazzi che hanno giocato per molto tempo che non hanno una forza del braccio pazzesca che è semplicemente solida, prendono la palla quando deve essere lì, loro ‘ hanno abbastanza tocco sulla palla, possono gestirlo in una finestra se necessario”.

L’estate prima della sua seconda stagione, Smith, che aveva 12 touchdown e 21 intercettazioni da rookie, è stato deriso in un sondaggio ESPN che lo ha classificato come il peggior titolare.

“Se sono il numero 32, in questo momento l’anno prossimo o l’anno successivo”, ha detto Smith, “mi aspetto di essere tra i primi cinque”.

Non esattamente. Aveva 13 TD, 13 INT nel suo secondo anno e gli è costato $ 12.000 per lanciare una bomba F su un fan, ma forse il nuovo allenatore Todd Bowles e il coordinatore offensivo Chan Gailey potrebbero continuare a svilupparlo nel 2015.

Non hanno mai avuto la possibilità.

Giù va Geno… giù va Geno… giù va Geno.

Geno Smith lancia un passaggio durante la vittoria della settimana 1 dei Seahawks.
Geno Smith lancia un passaggio durante la vittoria della settimana 1 dei Seahawks.
Getty Images

“Ero molto curioso dei dettagli perché ero tipo, ‘Eh?’ Qualcuno ha appena rotto o qualcuno ha apprezzato il primo colpo o cosa diavolo è successo?’ disse Sanchez.

Proprio così, l’artigiano Fitzpatrick è diventato il quarterback titolare dei Jets e ha goduto di un anno di carriera. Non passò molto tempo prima che Smith iniziasse la sua carriera da operaio, giocando dietro Eli Manning (2017), Philip Rivers (2018) e Wilson (2019-21).

“È stata davvero dura”, ha detto Fitzpatrick, “perché era la sua squadra, e sfortunatamente è successo quell’incidente e poi l’ho preso e ho corso con lui quell’anno, anche l’anno successivo era il ragazzo per quell’offseason mentre io lo era ‘ Non sto cercando di firmare un contratto. Penso che entrambi quegli anni siano stati molto difficili per lui.

Read More :   Lo staff di Wendy Williams Talk Show ha messo in dubbio la sobrietà in onda in "almeno 25" episodi diversi: Report

“Penso che quello che ha fatto, ha dovuto fare un passo indietro, ma ha fatto un passo indietro, e ora è stato in tutte queste diverse situazioni e ha avuto molti quarterback diversi. Può scegliere piccole cose da loro e applicarle al suo gioco. Potevi vedere tutti gli otto anni pieni e che emergono con emozione sul campo mentre giocava”.

Sanchez ha giocato per l’allenatore dei Seahawks Pete Carroll alla USC.

“Ricordo solo quanta fiducia avevo giocando per il ragazzo e cosa significava per me prepararmi mentalmente ed emotivamente per una partita”, ha detto Sanchez. “E mettendo in te quella mentalità, come quando esci in campo, sei il ragazzo più cattivo là fuori e uscirai con una palla. E non c’erano dubbi al riguardo. Non ho mai indovinato nulla, ero solo pronto per partire. Si potrebbe dire che è entrato in Geno e nella sua mentalità e quanto ha lavorato duramente negli ultimi anni. Sembrava un giocatore diverso. È stato incredibile, è stato davvero divertente da guardare”.

Geno Smith ha avuto un incarico difficile come quarterback dei Jets.
Geno Smith ha avuto un incarico difficile come quarterback dei Jets.
Anthony J. Causey

Smith, che domenica affronterà i 49ers, ha fatto eco a quel sentimento questa settimana.

“Una cosa che ho imparato dal Coach è quella mentalità, avere quella mentalità positiva, credere sempre in te stesso e nei bambini intorno a te e poi parlare positivo di te stesso. L’allenatore Carroll è uno dei migliori allenatori che abbia mai avuto e penso che uno dei motivi sia che è così positivo in quanto crede davvero che tutto sia possibile. Solo avere un ragazzo così, continuare a spingerci, combattere ogni giorno ed essere solo positivo è fantastico”.

Non tutti i quarterback sono in grado di gestire New York in modo impeccabile come Eli Manning.

Sanchez: “Non so cos’altro ci sia sulla Terra. Dev’essere come una versione alta di una carica politica. Ci sono così tante aspettative – alcune realistiche, altre irrealistiche – così tanti fattori fuori dal tuo controllo. Gli ha fatto del bene e gli ha insegnato alcune cose, come ha fatto per me, forse per il calcio, forse per la vita. Impari molto e a volte fa schifo. Ma vederlo uscire allo scoperto e suonare come ha fatto, sono rimasto così colpito.

Read More :   Vinland Saga Comic Capitolo 196 Bahasa Indonesia

“Su Wikipedia, è come una frase del tipo ‘Non è più iniziato da allora’ qualunque sia la frase, ma quelli sono anni della tua vita che sono frustranti e ti prepari per un gioco e poi non giochi. e poi lo fai ancora e ancora e ancora e ancora, ed è quasi come se passassero centinaia e poi finalmente hai la possibilità di competere per un lavoro, e tutti lo spiegano in una frase. Per lui non è una frase”.

Fitzpatrick: “Penso che Geno sia davvero maturato negli ultimi 10 anni. New York è un posto molto difficile per giocare a quarterback, ma ha fatto un buon lavoro per capirlo e ritrovare se stesso, ma a volte, non importa dove sia la situazione, ci vuole solo tempo. E, sfortunatamente, quando sei una scelta al draft più alta e vieni eliminato immediatamente, non c’è molta pazienza. Quindi non so se sarebbe stato diverso da qualsiasi altra parte, penso solo che avesse bisogno di pazienza e ha fatto davvero un ottimo lavoro sfruttando i diversi posti in cui è stato”.

Smith, che compirà 32 anni il mese prossimo, ha suscitato scalpore dopo la partita di lunedì quando ha detto con un sorriso: “Sono stato cancellato, ma non scrivo più”. Alla domanda su questo giovedì, ha detto: “È stato davvero solo un impulso del momento”.

Com’è Smith nella conversazione?

“È qualcuno che sa cosa deve essere fatto e fa i suoi affari nel modo giusto”, ha detto a Serby Says il capitano del wide receiver e Seahawks Tyler Lockett. “A volte potrebbe essere tranquillo, a volte potrebbe essere loquace, ma penso che l’unica cosa sia che comanda la conversazione e tutti in questo pasticcio gli danno le spalle”.

Il momento che forse solo lui ha visto quando era a terra… ma mai fuori.

Source : nypost.com