28/09/2022

Kwasi Kwarteng ha affermato venerdì che l’abolizione del tetto ai bonus dei banchieri “confermerebbe la posizione della Gran Bretagna come hub globale per i servizi finanziari”, svelando cambiamenti radicali alle regole in un mini-budget volto a stimolare gli investimenti nel Regno Unito.

In uno dei pacchetti più politici per la City di Londra da decenni, il Cancelliere si è impegnato a revocare le norme UE eccessivamente gravose che, secondo lui, stavano soffocando gli investimenti, poiché il nuovo governo ha immediatamente annunciato “dividendi della Brexit”.

Confermando la fine del bonus cap per i banchieri, Kwarteng ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di banche globali che creino posti di lavoro qui, investiscano qui e paghino le tasse qui a Londra, non a Parigi, non a Francoforte, non a New York.

“Tutto ciò che il bonus ha fatto è stato aumentare gli stipendi di base dei banchieri o aumentare le operazioni al di fuori dell’Europa”, ha aggiunto.

Le relazioni tra il Partito conservatore e le imprese sono state tese negli ultimi anni. Hanno toccato il fondo quando Boris Johnson avrebbe detto “fermare i posti di lavoro” nel 2018 in risposta alle preoccupazioni aziendali sulla Brexit.

Read More :   Clona qualsiasi account whatsapp - Clona WhatsApp sull'altro telefono

Tuttavia, gli attuali ed ex leader della città hanno salutato i piani di Kwarteng come un punto di svolta nella posizione del governo sui servizi finanziari in particolare.

Rupert Lee-Browne, amministratore delegato del gruppo valutario Caxton, ha dichiarato: “Con allettanti tagli alle tasse, la revoca dei massimali dei bonus, le riforme normative e i massicci piani di spesa, queste misure faranno sorridere la città”.

Miles Celic, amministratore delegato del gruppo di lobby TheCityUK, ha affermato che i piani chiarivano che il primo ministro Liz Truss era “assolutamente impegnato affinché il Regno Unito fosse competitivo dal punto di vista fiscale” ed era “stato accolto calorosamente da aziende e investitori”.

Ha aggiunto che avrebbero “inviato un messaggio al resto del mondo che la Gran Bretagna è un posto attraente per fare affari”.

Read More :   SVILUPPATORE DI SITO WEB COMPLETO FULL STACK

L’ex presidente della HSBC Sir Douglas Flint ha affermato che mentre la rimozione del tetto del bonus “non avrà alcun effetto sul livello di retribuzione” che i banchieri ricevono, l’industria “avrà costi fissi inferiori perché gli stipendi di base non saranno così gonfi”.

Flint ha aggiunto che il cambiamento “parerebbe il campo di gioco con New York” aiutando le banche statunitensi a trasferire più facilmente il personale a Londra dagli Stati Uniti, dove i pagamenti delle prestazioni sono illimitati.

L’UE ha limitato i bonus nel 2014, fissandoli al 100% dello stipendio o al 200% con l’approvazione degli azionisti.

Kmacheng ha affermato che Solvency II, una serie di regole che disciplinano il settore assicurativo, sarà rivista per sbloccare più di 4 trilioni di sterline di investimenti da assicuratori e fondi pensione per sostenere progetti infrastrutturali nazionali e società promettenti.

Kwarteng ha aggiunto che introdurrà progetti di regolamento per riformare il tetto regolamentare sulle pensioni, che consentirebbe ai regimi pensionistici a contribuzione definita di investire nelle società e negli asset produttivi più innovativi del Regno Unito.

Read More :   Hoover Dam Explosion - Fox3 Now

Fino a 500 milioni di sterline sono stati impegnati per sostenere fondi progettati per catalizzare gli investimenti dei regimi pensionistici e di altri investitori in società scientifiche e tecnologiche del Regno Unito.

Kwarteng ha anche affermato che una modifica pianificata dell’aliquota dell’imposta sulle società per le banche sarebbe stata eliminata. Da aprile 2023, invece di pagare l’aliquota fiscale ridotta del 3%, le banche e le imprese di costruzione continueranno a pagare un’aliquota fiscale aggiuntiva dell’8% sui loro profitti, con un conseguente tax rate combinato del 27%.

Ma alcuni leader hanno riconosciuto che le misure potrebbero minacciare la stabilità finanziaria ed erano preoccupati per come la sterlina avrebbe reagito a grandi tagli alle tasse e all’aumento del debito pubblico.

Lee-Browne di Caxton ha affermato che il piano “non è privo di rischi”, aggiungendo che “il costo per il Paese se tutto va storto trascinerà indietro l’economia”.

Source : germanic.news